L'alimentazione del criceto

Il Criceto domestico è un animale prevalentemente erbivoro, che tuttavia è in grado di cibarsi anche di carne. In linea generale per un Criceto adulto sono necessari ogni giorno:

5 gr. di alimento secco (miscele di semi),
20 gr. di alimento fresco (verdura e frutta non fredde di frigorifero),
10 gr. di alimento proteico (formaggio, carne, uovo sodo).


In natura i criceti sono onnivori e si nutrono di piante, semi, frutta e insetti. E' sicuramente sconsigliabile una dieta prevalentemente a base di semi, che sono troppo grassi e contengono poche proteine e vitamine.

La dieta viene integrata con piccole quantità di cereali soffiati senza zucchero, pane integrale, pasta cruda, carne di pollo cotta, tonno senz'olio, uovo sodo, formaggio, frutta e verdura fresche accuratamente lavate e non fredde di frigorifero. Acqua fresca e pulita deve essere sempre a disposizione.

Essendo prevalentemente animali notturni, è bene approfittare per fornire loro il cibo nelle ore serali, asportando i resti di frutta o verdura avanzati il giorno precedente. Semi e mangime secchi vanno aggiunti solo quando quello precedente è stato consumato, in modo da non farlo ingrassare troppo.

Sostituendo ogni giorno la sua razione, sarebbe indotto a mangiare solo i semi che maggiormente gradisce (semi di girasole), nuocendo così alla sua salute.

Esistono in commercio innumerevoli prodotti “specifici per criceti” composti da svariate miscele di semi (girasole, arachidi, mais, orzo, avena, ecc…) con aggiunta di cereali fioccati o schiacciati ed a volta con pellettati “vitaminici”. Questo tipo di miscele presentano, talvolta, alcuni problemi:

- I semi sono molto ricchi di grassi e carenti di proteine, calcio e numerose vitamine
- I semi spesso sono di scarsa qualità, frequentemente vecchi ed a volte addirittura rancidi
- I criceti hanno la facoltà di selezionare i semi che più gli aggradano (normalmente girasole!!!)

Per testare la freschezza di una miscela di semi acquistata si possono prendere un numero approssimativo di semi (ad esempio 100), li si fa germogliare ponendoli su del cotone bagnato e si contano quelli che effettivamente germogliano (che si possono poi somministrare al criceto!); se questa percentuale è inferiore al 70% (dai 100 di partenza meno di 70 germogliano), significa che i semi che compongono quella miscela sono troppo vecchi ed hanno “consumato” le riserve energetiche e di conseguenza non apporterebbero nutrimento all’alimentazione dei Roditori.

Un'ottima alternativa (oltre che utilizzare un mangime di tipo pellettato), è la somministrazione di miscele di legumi o il Muesli ad uso umano (ovviamente senza zuccheri ed eliminando gran parte della frutta secca); le miscele di legumi per le zuppe sono costituite sicuramente da cereali e legumi di buona qualità con una buona varietà di “semi” garantendo una sicurezza maggiore alla nutrizione.

Gli alimenti da sommonistrare con assoluta parsimonia sono i classici bastoncini ricoperti di semi e melassa, venduti come cibo per criceti: apportano un eccessivo quantitativo di zuccheri e grassi che predispongono all’insorgenza di diabete, carie ed aumento del peso corporeo. Altri alimenti da non somministrare sono i biscotti, fette biscottate, caramelle, zuccheri, cioccolata, caffè, pane, grissini, alcool, latte.

Quindi, cosa dar da mangiare al criceto? Parte della risposta è già stata trattata pocanzi, in più, oltre ad una buona miscela di semi, è sempre consigliabile somministrare giornalmente della verdura fresca, prediligendo ogni tipo di insalata (non fermarsi solo alla lattuga!), sedano, finocchio, zucchina, carota, ecc ecc., ed un po’ di frutta, senza esagerare in quanto apporterebbe molti zuccheri facilmente assimilabili come mela, pera, agrumi, ecc.

Questa sinora descritta deve essere la base di una sana dieta per un criceto, in questo modo si apportano vitamine, sali minerali, grassi, proteine, pochi carboidrati, ecc. però studiando la fisiologia alimentare, soprattutto dei soggetti in Natura, si è osservato che i criceti sono in grado di consumare una piccola quota di proteine di origine animale; infatti consumano saltuariamente insetti e loro larve o feci di animali carnivori, per compensare la naturale sub-carenza proteica apportata con una dieta basata su semi e verdure. In cattività quindi, occasionalmente (una volta ogni 10-15 giorni), è consigliabile somministrare degli alimenti ad alto contenuto proteico come piccoli pezzetti di carni bianche, degli insetti o le loro larve, piccoli pezzetti di bianco d’uovo, pezzetti di formaggio magro non salato.

Alimenti consigliati

SEMI:
- Buona miscela di semi per roditori o ad uso umano (zuppe di legumi, Muesli senza zucchero)
- Avena, grano, soia, miglio, farro, orzo, mais e girasole. Non eccedere nella somministrazione di semi di girasole, sono molto grassi e possono imbruttire il pelo.
- Pellettato per criceti di buona qualità

VERDURE:
- Tutte le insalate (radicchio, catalogna, valeriana, lattuga romana, ciocoriA, tarassaco, rucola, songino, trevigiana, belga, ecc.), piselli con baccello, carote, pomodori (ma non il picciolo), finocchio, cetrioli, sedano.
- Verdure miste (zucchina, carota, sedano, finocchio, cavolo, cavolfiore, topinambur, ravanelli, ecc.)

FRUTTA:
- Mele, pere, ciliegie, albicocche, uva, fragole, mandarini, prugne, pesche, melone, anguria, frutti di bosco, arancia, banana, fichi, pompelmo.

FRUTTA SECCA:
- Noci, mandorle, pinoli, fichi (tutto in minime dosi poichè molto grassi o troppo dolci per il criceto).

ERBE:
- Trifoglio bianco e rosso, erbe medicinali.

ALIMENTI PROTEICI:
- Proteine di origine animale (insetti e larve di insetto, carni bianche, bianco dell’uovo, formaggi magri)SALTUARIAMENTE OGNI 10-15 GIORNI
- Fegato di vitello, pollo, carne magra e tenera tagliata a pezzi, tonno senza olio.
- Uovo sodo
- Formaggi a pasta molle, ricotta, parmigiano, pecorino, mozzarella (minime dosi poichè molto salati per l'animale), yogurt alla frutta o al naturale.

BEVANDE:
- Acqua, succhi di frutta diluiti in acqua.

Alimenti sconsigliati

- Bastoncini e blocchetti di semi melassati “per criceti”: possono far ingrassare l'animale
- Biscotti, fette biscottate, merendine, pane, grissini, crackers: Disturbi intestinali, eczemi, danneggiano il fegato.
- Cioccolata, caffè, alcool, zucchero raffinato, panna, burro: Disturbi intestinali, eczemi, danneggiano il fegato.
- Buccia delle patate, foglie di patate e pomodori (picciolo)
- Barbabietole: arrossano l'urina
- Cavoli, cavolfiori, asparagi: Rendono l'urina maleodorante.
- Foglie di gelso: sono astringenti
- Piante riconosciute tossiche per altri animali (Stella di Natale, geranio, tasso)
- In merito al latte, vi sono molte teorie discordanti fra loro: qualcuno sostiene che faccia bene, altri sostengono il contrario. Nel dubbio, meglio evitare.
- In merito ai fagioli, vi sono molte teorie discordanti fra loro: qualcuno sostiene che siano innocui se somministrati in piccole quantità avendoli prima lessati senza sale, altri sostengono il contrario. Nel dubbio, meglio evitare.

Tabella Nutrizionale

Clicca qui per consultare la tabella sul contenuto in proteine, fibra, calcio e fosforo degli alimenti di origine vegetale

Compilata dalla Dott.ssa Valentina Fresca

Pubblicata su gentile autorizzazione dell'Associazione Animali Esotici

Consigli sull'alimentazione del criceto

- Evitare di far assaggiare ai criceti qualsiasi cibo vi capiti fra le mani. Caramelle, cioccolatini, patatine, Smarties, e cose simili nuocciono alla loro salute anche se sembrano felici di aver assaporato qualcosa di speciale. I criceti sono animali che producono poca insulina, di conseguenza dolci ed alcuni tipi di frutta possono provocare l'insorgenza del diabete.

- Evitare di somministrare verdura e frutta fredde di frigo, bagnate o con segni di deterioramento. Se l'animale non le consuma entro le 24 ore, togliere i residui dalla ciotola o dalla gabbia poichè potrebbero marcire o ammuffire. Se si somministra troppo alimento vegetale, si corre il rischio che al criceto venga la diarrea.

- I succhi di frutta non devono essere un'alternativa all'acqua ma devono essere somministrati in un abbeveratoio separato, non devono essere freddi nè zuccherati.

- La carne deve essere scottata prima di essere somministrata al criceto. Il tonno deve essere al naturale e va ben sgocciolato prima di essere dato in pasto all'animale. Il tonno sott'olio non va bene poichè troppo unto. Saltuariamente possono essere somministrate anche crocchette per gatti alla carne, soprattutto se la femmina è incinta o sta allattando.

- Sebbene i criceti adorino i semi, e soprattutto quelli di girasole, evitare di riempirgli la ciotola solo di questo alimento. Se somministrati in dosi elevate, i semi rendono il mantello opaco e coperto da una patina di grasso. E' corretto variare la loro dieta mettendo a disposizione ogni giorno piccole dosi di frutta e verdura e saltuariamente (un paio di volte alla settimana) formaggi o uova (vedi tabella).

- Gli stick ricoperti di semi sono come le merendine per i bambini: potrebbero farne anche a meno, anche se piacciono tanto. Se proprio si vogliono regalare al criceto, è meglio farlo con responsabilità ed a piccolissime dosi. Sono prodotti che, se dati con insistenza, ingrassano l'animale poichè contengono zuccheri.

Alimenti ricchi di sale e di grassi (da evitare):
- formaggi a pasta dura
- brodi di carne, carne bovina in scatola, insaccati, hamburger, salsicce, wurstel, maiale grasso, agnello grasso castrato, carni semigrasse e grasse soprattutto se cotte, fritte o con sughi
- alcuni pesci (stoccafisso secco e pesci in salamoia o salati come alici, aringa, salmone, sardine, tonno sott'olio)
- sostituti del pane (fette biscottate, crackers, grissini, panini all’olio)
- patatine fritte
- biscotti, cornetti, torte...

Alimenti magri ma ricchi di sale (da evitare):
- fiocchi di formaggio
- bresaola, parte magra del prosciutto e dello speck
- alcuni pesci (aragosta, cozze, gamberi surgelati, granchi in scatola, razza, scampi)
- mollica del pane, muesli ricoperto
- legumi in scatola
- minestrone in scatola, cuore di carciofo, succo di pomodoro

Alimenti magri e poveri di sale (concessi):
- patate, cornflakes (senza zucchero)
- carni bianche (petto di pollo, petto di tacchino), parte magra del bovino e del maiale, vitello, coniglio, manzo, cavallo, cotte alla griglia al forno e al vapore senza condimenti vari
- la maggiorparte dei pesci (cernia, dentice, gambero, luccio, merluzzo o nasello, orata, palombo, pesce spada, rombo, sogliola, spigola)
- uova
- legumi
- yogurt
- ortaggi purchè freschi o bolliti ma senza nessun condimento nè sale

I migliori alimenti per criceti

Ce ne sono davvero tanti, la scelta è difficile. Grazie alle molteplici recensioni e segnalazioni ricevute dai nostri utenti, riteniamo i seguenti alimenti di altissima qualità, tanto da essere consigliati anche dalle Associazioni AAE (Animali Esotici) ed AIC (Criceti).

BUNNY PER CRICETI Bunny Hamster Traum per criceti dorati o ZwergHamster Traum per criceti nani
Oxbow Hamster Alimento di alta qualità, bilanciato e completo, per tutti i criceti
PINCKY CRICETI In due varianti diverse, questo alimento è stato formulato da veterinari esperti