IL LINGUAGGIO DEL CRICETO

In questa sezione del sito vengono esposti i principali problemi ai quali il criceto potrebbe andare incontro nel corso della sua vita e le relative soluzioni, un utilissimo strumento che serve a decifrare i segnali che il criceto ci invia ogni volta che comunica con noi o con i suoi compagni.

Morde le sbarre della gabbia in continuazione

Sinonimo di nervosismo dell'animale, significa che si sta annoiando o che non ha a disposizione nulla da rosicchiare per limarsi i denti.

Episodi di diarrea

Possono capitare se si è somministrata loro troppa verdura o frutta, oppure se i piccoli animali sono venuti a contatto con forti sbalzi di temperatura.

Perde pelo o lo ha opaco, apatia, occhi rossi

L'animale è sotto forte stress, si sente minacciato e spaventato da qualcosa attorno a lui (altri animali, forti rumori, odori sgradevoli).

Si corica sul dorso, mostra i denti, emette suoni

Il criceto è al massimo dell'irritazione, meglio lasciarlo tranquillizzare onde evitare spiacevoli morsi.

Scappa e non si fa toccare

Non si è ancora ambientato alla casa ed alla gabbia, oppure stava dormendo o mangiando e si sente fortemente disturbato. In altri casi si tratta di un esemplare schivo e la soluzione è solo avere tanta pazienza.

Sbadiglia

L'animale è di buon umore e si sente rilassato.

Fa l'acrobata nella gabbia

Animale annoiato ed irritato.

Porta tutto il cibo nella tana

La principale attività del criceto in natura è la raccolta del cibo in vista della stagione avversa. Anche in cattività questa pratica viene svolta quotidianamente dall'animale, che immagazzina nelle tasche guanciali quanto più cibo possibile per poi trasportarlo all'interno della tana. A prima vista sembra che la ciotola venga svuotata ogni giorno, ma in realtà gran parte delle scorte sono presenti dentro la sua tana.

Mangia le sue stesse feci

Esattamente come i conigli e le cavie, anche i criceti sono copròfagi, ovvero si nutrono delle loro feci, che solitamente raccolgono direttamente dall'ano. Nonostante possa sembrare disgustoso ai nostri occhi, all'interno delle feci si trovano importanti valori nutritivi di cui l'animale necessita, soprattutto in natura.

Squittisce o emette suoni

Segno di forte fastidio, vuole essere lasciato in pace. Meglio non insistere.

Si siede col busto eretto

Ha scoperto qualcosa di interessante ed è intento ad annusare ed osservare.

Dorme sul dorso, e/o fuori dalla tana

L'animale ha caldo.

Sta chino, con le orecchie all'indietro

Segno di mortificazione, cattivo umore oppure di atteggiamento aggressivo.

Giace immobile sul dorso

Posizione di difesa.

Alza le zampe anteriori

Segno di difesa.


Il criceto in questa immagine mostra un chiaro segnale di fastidio. Questo può succedere se si tenta di accarezzarlo insistentemente o se l'animale è impaurito da qualcosa attorno a lui. Inutile dire che se si tenta di toccarlo o di afferrarlo è possibile ricevere in cambio un bel morso.

Il criceto in questa immagine è chiaramente arrabbiato. Solitamente emette anche un suono stridulo. Le zampe alzate indicano che è pronto ad attaccare. Vivamente sconsigliato insistere nell'avvicinarsi o nel tentare di toccarlo.